Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.

In ogni stadio di uscita dell'amplificatore l'efficienza è funzione della differenza tra la tensione d'uscita fornita al carico e la tensione dei rail erogata dalla rete elettrica. Questo vale per qualsiasi topologia tra Classe B, C, D, H, G, nonostante ognuna di queste fornisca prestazioni diverse efficienza assoluti e carico a seconda performance di efficienza rispetto potenza di uscita.
La tecnologia Powersoft Smart Rails Management (SRM) implementa la registrazione in tempo reale della tensione dell'alimentazione che minimizza la differenza tra la tensione dei rail e quella di uscita al fine di migliorare l'efficienza complessiva. Il sistema SRM rimanda indietro il segnale di uscita all'alimentazione e modula la tensione dei rail al fine di ridurre la dissipazione di calore e migliorare l'efficienza.

I vantaggi della tecnologia SRM si concentrano su:

Basso consumo in idle:
Siccome la dissipazione in idle dipende esponenzialmente dalla tensione dei rail, una riduzione dell'energia può essere raggiunta abbassando la tensione dei rail a riposo. Ad esempio, se uno stadio di uscita spreca 12.5W in idle a valore nominale dei rail (diciamo a +/- alimentazione 150 V cc), a metà la tensione (75 V cc +/-) ridurrà la propria dissipazione in idle a 3.125W, cioè un risparmio netto di 9.375W per canale.

Ridotto rumore di fondo:
Fondamentalmente un amplificatore a commutazione funziona come moltiplicatore e fornisce una tensione di uscita che dipende della tensione dei rail in condizione di normale funzionamento. Una Riducendo la tensione di rail diminuisce il rumore di fondo ad anello aperto. Come nell'esempio precedente, la riduzione da +/- 150VDC dei rail a +/- 75 V cc fornirà una riduzione di 6 dB del rumore di fondo.

Problemi EMC ridotti:
Le radiazioni involontarie a radiofrequenza dipendono dall'esponente 2 della tensione di commutazione e valori correnti. A meno che ci siano altri fenomeni, dimezzando la tensione dei rail si riduce di ¼ la potenza RF irradiata.
Maggiore efficienza in condizioni di carico:
Come detto sopra, una corrispondenza più stretta tra tensione dei rail e tensione d'uscita migliora l'efficienza. Oggi le apparecchiature di potenza soffrono molto di più dalle perdite di commutazione cha da quelle di conduzione, quindi l'efficienza è data dalla quantità di energia che deve essere impostata per ottenere una certa tensione di uscita e la corrente. Grazie al fatto che la tensione dei rail segue strettamente la modulazione di ampiezza del segnale, le perdite di commutazione vengono ridotte.

Voltaggio dei rail su amplificatore senza SRM. L'efficienza è la funzione della differenza tra la tensione dei rail dell'alimentatore e della tensione d'uscita.

 

Il voltaggio dei rail su un amplificatore con SRM. La tensione d'uscita è mandata all'alimentatore e comparata con la tensione dei rail per impostare dinamicamente la tensione di quest'ultimi

 

VRail > VOUT
Voff = offset voltage
Vth = threshold voltage
In A: Vth < VA < Voff ? VRail = VRail Min + Vstep
In C: VC < Vth ? VRail = VRail Max

Thold tiene conto della rapida modulazione di VOUT. Per ragioni di chiarezza l'immagine e' semplificata.

 

 

Partita IVA: P.I. 04644200489 - REA FI 468275 - Capitale Sociale: € 1.000.000 i.v.

© Powersoft S.p.A. Tutti i diritti riservati

Crediti ISO 9000